Crea sito

«

»

Nov 07 2016

Stampa Articolo

Nostalgia Pendolare

Il rirorno dell'Homo PendolareSono ormai quasi nove mesi che non “pendolo” più per andare al lavoro.

Ora sono a 10 Km da casa e treni, autobus e metropolitana sono un lontano ricordo.

Niente ritardi o scioperi. Niente vagoni roventi d’estate e gelidi in inverno. Niente più odori sgradevoli o sovraffollamenti. Niente più scuse per il disagio.

La mattina esco circa un’ora prima di quando pendolavo, mentre la sera guadagno un’ora e mezza.
Insomma, una pacchia!

Ogni tanto però, mi capita di tornare sui blog di altri pendolari e da cui, qualche tempo fa, presi spunto per il mio “Homo Pendolare“.

Leggere le loro (dis)avventure, i loro racconti, i discorsi captati nei vagoni e guardare le loro fotografie, mi fa tornare indietro nel tempo. Quel tempo in cui anche io pendolavo e scrutavo le persone attorno a me, immortalavo momenti o strani abbinamenti di vestiti, immaginavo la vita delle persone che mi circondavano.

Chissà se le persone che incontravo quasi tutti giorni sono ancora pendolari… la ragazza carina col cappello ridicolo, il militare sempre in mimetica, gli studenti agitati prima degli esami, le adolescenti in crisi amorosa…

Certo, come comodità e tranquillità del tragitto casa-lavoro non c’è paragone… ma ho lo stesso molta nostalgia della mia vita da pendolare (e anche del mio blog che ultimamente ho trascurato abbastanza).

Permalink link a questo articolo: http://micheletallone.altervista.org/nostalgia-pendolare/

3 comments

  1. pendo,ante

    Anch’io avrei nostalgia Michele se abbandonassi il treno… Sono sicura però che avresti da raccontare molto anche da non pendolare

    1. Michele Tallone

      Beh forse sì… ma non c’è niente di così vario e divertente come i racconti pendolari!!!

  2. Pendolante

    ti capisco, anche a me mancherebbe molto pendolare

Commenti disabilitati.