Crea sito

«

»

Dic 23 2016

Stampa Articolo

Le ferrovie più pericolose del mondo – Parte 1

Di ferrovie il mondo ne è pieno. Vecchie e nuove. Lente o ad alta velocità. Con treni a levitazione magnetica o ancora a vapore.
Da molte di esse si possono vedere panorami mozzafiato, ma spesso questo è sinonimo di pericolo, a causa di ponti, viadotti o ferrovie costruite agli inizi del 1900 che non hanno avuto manutenzione adeguata o che passano attraverso luoghi inospitali.
Ma quali sono le ferrovie più pericolose del Mondo? Scopriamolo insieme…

Tren a las Nubes – Argentina

La ferrovia, inziata nel 1921 ed inaugurata nel 1948, collega la città di Salta a San Antonio de los Cobres. 434 Km percorsi in 14 ore e 45 minuti circa con una velocità media di soli 32 Km/h da un convoglio di 10 carrozze che possono trasportare 512 passeggeri.
Il percorso passa per 29 ponti, 21 tunnel, 13 viadotti e 2 zig zag.
Il punto più alto e più famoso dell’intera tratta è un viadotto chiamato La Polvorilla (4200 metri sul livello del mare). Il viadotto, situato a 65 metri d’altezza, non è protetto da nessun parapetto e l’unico binario che lo percorre è invisibile dal finestrino. La sensazione del passeggero è quella di essere seduti su un vagone sospeso tra le nuvole.
tren-a-las-nubes

White Pass & Yukon Route – USA/Canada

Ferrovia a scartamento ridotto costruita in soli 26 mesi e considerata un’impresa impossibile, fu completata nel 1898 durante la corsa all’oro del Klondike.
Copre i 180 Km che separano Skagway Alaska da Whitehorse, in Canada.
Chiusa nel 1982 dopo il collasso dell’industria mineraria dello Yukon, fu riaperta nel 1988 come attrazione turistica stagionale.
white-pass-yukon-route

Georgetown Loop Railroad – USA

Lunga solo 7 Km, collega Georgetown e Silver Plume coprendo un dislivello di 600 metri.
completata nel 1884, presenta pendenze fino al 4%, curve a ferro di cavallo e 4 ponti, tra cui il famoso ponte del Diavolo.
georgetown-loop-railroad

Chennai-Rameswaram Route – India

Unico sistema di collegamento tra l’India continentale e la città di Rameswaram, è lunga 670 Km che persorre in circa 14 ore.
Il punto più pericoloso dell’intera tratta è il Panbam Bridge, un ponte sul mare che collega la terraferma all’isola di Pamban, dove sorge Rameswaram.
Durante questi 2 Km di percorrenza il treno procede a velocità molto ridotta, in quanto il forte vento che soffia sul mare rischia di far cadere il treno in mare.
pamban-bridge

La ferrovia della morte – Thailandia

E’ lunga 415 Km e collega Banbkok a Rangoon, anche se oggi gran parte della tratta è in disuso. Fa parte di questa ferrovia il famoso Ponte sul fiume Kwai, una delle maggiori attrazioni turistiche della zona.
Il nome “ferrovia della morte” non è dovuto agli incidenti ferroviari avvenuti negli anni lungo la tratta, ma alle migliaia di morti durante la sua costruzione. Gli operai che lavorarono alla costruzione di questa ferrovia, completata dai giapponesi in soli 18 mesi, erano 200 mila asiatici e 60 mila militari prigionieri di guerra. Le morti furono tra le 100 e 170 mila tra gli asiatici e 16 mila tra i prigionieri.
I cimiteri militari lungo la tratta ricordano il sacrificio dei soldati europei morti durante la costruzione di quest’opera.
the-death-railway

Permalink link a questo articolo: http://micheletallone.altervista.org/ferrovie-piu-pericolose-del-mondo-parte-1/