Crea sito

«

»

Nov 28 2013

Stampa Articolo

Discorsi di un macchina-dipendente

Macchina DipendenteDa lunedì mattina un mio collega è costetto a percorrere gli 8 chilometri necessari per venire al lavoro con i mezzi pubblici, in quanto ha venduto l’automobile e quella nuova non gli arriverà fino al prossimo anno. Da buon macchina-dipendente qual è, per lui camminare o stare in piedi durante il tragitto casa-ufficio sono un supplizio. Il percorso più lungo a piedi che abbia mai fatto negli ultimi anni è stato quello dalla scrivania alla sua macchina parcheggiata appena fuori la porta (parole sue). Se poi per salire in ufficio, che si trova al primo piano, prende l’ascensore è tutto detto! Immaginate, per uno così, cosa voglia dire cambiare radicalmente abitudini da un giorno all’altro e ritrovarsi costretto ad andare a piedi fino alla fermata, aspettare l’autobus in piedi e al freddo e magari dover fare il viaggio stipato in mezzo ad altri pendolari…

Oggi, in pausa pranzo, ha cominciato a lamentarsi dicendo che non ce la fa più ad usare i mezzi pubblici. Pullman troppo pieno, caldo, freddo, maleodorante, sempre in ritardo o in anticipo e lui lo perde per un soffio, coi sostegni appiccicosi e sporchi, pieno di gente che non si sposta quando entri e mai un posto a sedere vicino a qualcuno che non abbia difetti di ogni genere.

Conclude il discorso rivolgendo lo sguardo verso di me ed esclamando:

Non so come fate voi che li prendete sempre!

Mi sono limitato a sorridergli alzando gli occhi al cielo! Detto questo il macchina-dipendente ha preso l’ascensore ed è andato a prendersi un caffè al bar di fronte… quello della macchinetta fa schifo!

Permalink link a questo articolo: http://micheletallone.altervista.org/discorsi-di-un-macchina-dipendente/

3 comments

  1. Pendolante

    Oggi sono andata al lavoro in macchina. Traffico, semafori, clacxon. Mi chiedo come facciano quelli che non prendono i mezzi pubblici.

    1. Michele Tallone

      Me lo chiedo anche io! Le poche volte che vado in macchina arrivo al lavoro già nervoso, arrabbiato e, soprattutto, senza niente da raccontare sul blog!

      1. Pendolante

        🙂

Commenti disabilitati.