Crea sito

«

»

Nov 25 2013

Stampa Articolo

Dilemma invernale

Dilemma InvernaleIl treno che prendo al mattino è sempre pieno, ma comunque la maggiorparte delle volte riesco a sedermi. Certo, non posso pretendere di non avere vicini di posto o di trovare un vagone tranquillo!

Questa mattina, la prima in cui il termometro è sceso sotto lo zero seppur solo di un paio di gradi, mi sono recato come sempre alla stazione del mio paesello di 5000 anime. Le facce erano le stesse di ogni mattina, così come i posti di attesa sul marciapiede.

Il treno arriva con 10 minuti ritardo (ormai sotto il quarto d’ora la vocina elettronica non ti avvisa nemmeno più), ma non è il solito con i vagoni a due piani risalente ad oltre vent’anni fa… in questa rigida mattinata di fine novembre Trenitalia ci ha regalato un Vivalto nuovo di zecca (pulito e senza scritte fatte con le bombolette sull’esterno) con addirittura sei carrozze invece delle solite quattro!

Contento per un inizio di settimana tutto sommato positivo (i ritardi sotto i 15 minuti sono sinonimo di puntualità), salgo sul treno e, incredibilmente, davanti a me si apre uno scompartimento praticamente vuoto. Non abituato a tanta disponibilità di posti a sedere, fatico per qualche istante a credere ai miei occhi.

Tolgo lo zaino dalle spalle, lo sistemo su un sedile e mi accomodo su quello a fianco; pregustando un viaggeto comodo e silenzioso, chiudo gli occhi. Passano pochi secondi ed un brivido percorre il mio corpo… la carrozza è senza riscaldamento! Avendo visto un treno nuovo, avevo dato per scontato il suo completo funzionamento, ma con Trenitalia questo è un errore che può rivelarsi fatale.

Che fare, quindi? Restare comodamente seduto nel silenzio, ma al freddo… oppure cercare un vagone riscaldato (col rischio di trovare temperature equatoriali), ma essere costretto quasi sicuramente a viaggiare in piedi rinunciando a qualche minuto di sonno?
Opto per la prima opzione e torno a chiudere gli occhi rannicchiandomi il più possibile nel mio giaccone.

Alla stazione di Torino Porta Susa giunge il momento di scendere. Il naso è congelato, mentre la circolazione sanguigna delle gambe viene riattivata soltanto camminando verso la metropolitana.

Permalink link a questo articolo: http://micheletallone.altervista.org/dilemma-invernale/

10 comments

Vai al modulo dei commenti

  1. Pendolante

    Dilemma più che lecito. La brevità del mio viaggio mi avrebbe fatto optare per il riscaldamento, ma un buon sonno è impagabile. Che bella scoperta il tuo blog.

    1. Michele Tallone

      Anche il mio viaggio è abbastanza breve (circa 25 minuti), ma anche solo per 5 minuti di sonno in più sono disposto a sfidare le intemperie di Trenitalia! Grazie della visita! A presto (spero…)

      1. Pendolante

        E che Trenitalia produca intemperie è tutto un dire

        1. Michele Tallone

          Ormai dire disagi è troppo poco e pessimistico… intemperie mi piace di più come termine…

      2. Pendolante

        Scusami, ma ho navigato un po’ nel tuo blog senza trovare una mail a cui poterti mandare un invito. Niente di galante, tranquillo 🙂 Potresti scrivermi tu? pendolante@libero.it
        Grazie

        1. Michele Tallone

          Devo ancora fare la pagina delle info e quant’altro. Per ora te la scrivo qui (così almeno da qualche parte è visibile), ma prometto che nel week-end mi adopererò per aggiungere info al blog… La mail è mitch.tallone@gmail.com

          1. Pendolante

            grazie

            1. Michele Tallone

              Grazie a te…

  2. Alessandra - L'angolino di Ale

    Il solito dilemma di noi pendolari! Io purtroppo impiego 1 ora e 30 all’andata ed 1 ora e 30 al ritorno…tutti i santi giorni per arrivare al lavoro! Ora che è iniziato l’inverno c’è solo da mettersi le mani nei capelli…carrozza ghiacciata seduti oppure carrozza caraibica in piedi?! Poveri noi!!!

    1. Michele Tallone

      Fortunatamente il mio viaggio in treno dura molto meno del tuo, altrimenti non so se resisterei 90 minuti al gelo o a cuocere!

Commenti disabilitati.